Crea sito

Cerca

In Standard

Risotto ortiche e Macadamia

Risotto ortiche e Macadamia

E` proprio vero che a volte, anzi la maggior parte delle volte, con la semplicita` si ottengono i risultati migliori. Semplicissima ricetta ma massima soddisfazione; un ingrediente principale: le ortiche. Vero non sono cosi` comuni da trovare… ma con un po’ di impegno ed un paio di guanti si puo` iniziare la “caccia” :)

Io abito in provincia di Milano, a Buccinasco, dove fortunatamente nei piccoli comuni limitrofi ricchi di campagna queste “erbaccie” non mancano :) cosi` ogni tanto mi armo di pazienza e me ne metto alla ricerca! Fino a qualche tempo fa non le avevo mai assaggiate, poi una domenica a spasso tra le campagne mi ci imbatto ed un mio amico incurante del loro efferto urticante me ne raccoglie due piante!

Alla sera, tornato a casa contento come un bambino con un nuovo gioco, ho provato a farci un risottino, la mia passione, ed il sapore e` stato come un fulmine a ciel sereno! Mai avrei pensato… si sapevo che venivano usate in cucina in svariati modi, ma mai mi sarei aspettanto un tale gusto da una pianta che fino ad ora avevo sempre evitato stupidamente!

Con questo risotto particolare partecipo all’iniziativa di Gluten free Travel & Living, il 100% Gluten Free (fri)Day

ilove-gffd

Risotto ortiche e macadamia

 

impiattamento
impiattamento

 

Ingredienti per due persone

Per le ortiche:
2 o 3 rami di ortiche;
Olio EVO q.b.;
Sale grosso q.b.
Per il riso:
160 grammi di riso carnaroli;
1/2 scalogno;
30 grammi di parmigiano reggiano;
20 grammi di noci di Macadamia;
Brodo vegetale q.b.;
Vino bianco q.b.;
Sale q.b.

 

*in caso di celiachia tutti gli ingredienti a rischio devono essere necessariamente certificati senza glutine

Procedimento

Le ortiche:
Staccate le foglioline delle ortiche con dei guanti per non farvi pungere e lavatele sotto acqua fresca. Intanto portate ad ebollizione una pentola con dell’acqua e sbollentatele per un paio di minuti massimo. Una volta pronte immergetele immediatamente in acqua e ghiaccio per bloccarne la cottura e fissare il colore, che cosi` rimarra di un bel verde brillante.

Ora potete maneggiarle anche senza guanti, una volta cotte infatti le ortiche perdono tutta la loro parte urticante. Scolatele, strizzatele e mettetele quindi in un beker con un po’ di olio, qualche granello di sale grosso e frullatele con il frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema omogenea. Se necessario aggiungete altro olio e infine assaggiate per regolare eventualmente di sale.

Il riso:

Tritate finemente lo scalogno e fatelo appassire a fiamma bassa in una casseruola con un filo di olio EVO per una decina di minuti. Tostate quindi il riso per un paio di minuti a fiamma vivace, senza far bruciare lo scalogno.

Trucco da vero chef: per non far bruciare lo scalogno, cuocetelo a parte e
aggiungetelo al riso con la prima mestolata di brodo

Quando il riso risulterà traslucido, sfumate con del vivo bianco.

Portate quindi a cottura il riso, unendo un mestolo di brodo per volta. Giratelo in continuazione: in questo modo i chicchi di riso sprigioneranno tutto l’amido in essi contenuto e lo renderanno bello cremoso.

A cinque minuti da fine cottura aggiungete la crema di ortiche e continuate a mescolare fino a cottura.

Spostate quindi la pentola dalla fiamma, aggiungete il formaggio grattugiato e lasciate riposare il tutto per un paio di minuti quindi incominciate la mantecatura. Il risotto deve risultare bello cremoso. Per essere perfetto, muovendo la pentola a scatti avanti ed indietro, dovrebbe formarsi la “famosa” onda.

La composizione:
In un piatto stendete una porzione di riso, decorate con un un po’ di noci di Macadamia precedentemente tritate a coltello ed una fogliolina di ortica (sblollentata). Servite immediatamente.

 

0 Comment 346Visite

Ti potrebbero interessare anche

Lascia una risposta