Crea sito

Cerca

In Standard

Risotto del sottobosco

Risotto del sottobosco

 

Le ricette a volte nascono da un’intuizione, a volte da una fantasia, a volte semplicemente dalla voglia di sperimentare, azzardare e forse e` proprio questo il caso…

I “frutti” del bosco sono tra i miei ingredienti preferiti: funghi, castagne, tartufi, more… sono per me unici. Sara` che fin da piccolo mi piaceva fare lunghe passeggiate nella natura per andare a scovarli e raccoglierli… evidentemente anche per questo mi sono rimasti nel cuore.

Questa ricetta e` un tripudio di profumi e sapori della natura; pensata e studiata apposta per un’occasione speciale e partecipare ad il constest che mi ha permesso di cucinare a Rimini al Gluten Free Expo insieme ad “il Chef” Marcello Ferrarini (clicca qui per leggere l’approfondimento).

Ho cercato di bilanciare tutti i sapori del piatto nel migliore dei modi: la parte acida data dalle more e mirtilli, la parte dolce della crema di castagne, la parte croccante con le chips di patate viola e la parte piu` salata e fredda con le uova di lompo. Tutto impreziosito con l’aggiunta delle due polveri che conferiscono al piatto un profumo di sottobosco unico.

Con questo risotto partecipo all’iniziativa di Gluten free Travel & Living, il 100% Gluten Free (fri)Day

ilove-gffd

Risotto del sottobosco

 

risotto castagne funghi
impiattamento

 

Ingredienti per due persone

Per la crema di castagne:
250 grammi di castagne (crude o precotte);
Brodo vegetale q.b.;
Sale q.b.
Per la crema “rossa”:
60 grammi di more;
60 grammi di mirtilli;
Succo di limone q.b.
Per le chips:
1 patata viola;
Olio E.V.O. q.b.;
Sale q.b.
Per la polvere di funghi e prezzemolo:
4 funghi porcini secchi;
2 rametti di prezzemolo.
Per il riso:
160 grammi di riso carnaroli;
1/4 cipolla;
40 grammi di Parmigiano Reggiano 30 mesi;
Brodo vegetale q.b.;
Vino bianco q.b.;
Olio E.V.O. q.b.;
Sale q.b.;
Pepe q.b.
Per la decorazione:
Uova di lompo q.b;
Foglioline di prezzemolo.

 

*in caso di celiachia tutti gli ingredienti a rischio devono essere necessariamente certificati senza glutine

Procedimento

La crema di castagne: 

Vi consiglio di comprare le castagne precotte (solitamente al vapore) sono buonissime, piu` veloci e comode da usare. Ma se ne avete di fresche o secche (in questo caso dopo ammollo per una notte) lessatele in acqua, dopo averne inciso il guscio con un coltellino, per circa quarantacinque minuti. Quindi frullatene tre quarti con un po’ di brodo vegetale o acqua fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Assaggiate e regolate eventualmente di sale. Le restanti castagne tritatele grossolanamente a coltello e tenetele da parte, le andremo ad usare in mantecatura.

La crema “rossa”:

Lavate le more, i mirtilli e frullateli con qualche goccia di limone e fatelo ridurre per qualche minuto il un pentolino a fiamma medio-bassa.

Le chips:

Lavate e mondate la patata quindi con una mandolina (oppure un coltello) ottenetene delle fettine sottili sottili. Riscaldate l’olio in una padella ed una volta raggiunta la giusta temperatura friggetele per una trentina di secondi quindi stendetele su un foglio di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e salatele leggermente.

Le polveri:

Quella di funghi e` semplicissima: in un macina caffe` frullate qualche pezzetto di funghi secchi fino ad ottenerne una polvere fine. In alternativa se non avete il macina caffe` tritaleli con il coltello.

Per quella di prezzemolo basta separare le foglioline dai gambi, lavarle per bene ed asciugarle accuratamente stendendole su di una placca. Una volta asciutte prendetele un po’ alla volta e fatele andare nel microonde per un minuto alla potenza di 600 watt. Le foglie si seccheranno completamente e potranno essere sbriciolare o a mano con un setaccio fino oppure sempre nel macina caffè.

Le polveri ottenute oltre che profumatissime possono essere conservate in un barattolo per diversi mesi.

Il riso:

Tritate finemente la cipolla e fatela appassire a fiamma bassa in una casseruola con un filo di olio per una decina di minuti. Tostate quindi il riso per un paio di minuti a fiamma vivace, senza far bruciare la cipolla.

Trucco da vero chef: per non far bruciare la cipolla, cuocetela a parte e
aggiungetela al riso con la prima mestolata di brodo

Quando il riso risulterà traslucido, sfumate con del vivo bianco.

Portate quindi a cottura il riso, unendo un mestolo di brodo per volta. Giratelo in continuazione: in questo modo i chicchi di riso sprigioneranno tutto l’amido in essi contenuto e lo renderanno bello cremoso.

A cinque minuti da fine cottura aggiungete la crema di castagne, pepate a piacere e continuate a mescolare fino a cottura.

Spostate quindi la pentola dalla fiamma, aggiungete il formaggio grattugiato, le castagne tritate a coltello, un filo di olio e lasciate riposare il tutto per un paio di minuti quindi incominciate la mantecatura. Il risotto deve risultare bello cremoso. Per essere perfetto, muovendo la pentola a scatti avanti ed indietro, dovrebbe formarsi la “famosa” onda.

La composizione:
In un piatto piano stendete la crema rossa e quindi sopra una porzione di risotto. Date una spolverata di polvere di porcini, una di polvere di prezzemolo, posizionate qualche chips di patata viola con un po’ di uova di lompo e una fogliolina di prezzemolo fresco. Servite immediatamente.

 

0 Comment 307Visite

Ti potrebbero interessare anche

Hot Chocolate

Hot Chocolate

Tartatella di mare

Tartatella di mare

Lascia una risposta