Crea sito

Cerca

In Standard

Risotto alla liquirizia con granella di nocciole

Risotto alla liquirizia con granella di nocciole

Siete pronti per la prima ricetta? Incominciamo con qualcosa che adoro, che amo… i risotti!

Chi da piccolo non impazziva per le caramelle gommose alla liquirizia?

Io sì…e in realtà anche ora che sono grande!

Questa ricetta nasce proprio dalla mia passione per la liquirizia e dalla voglia di creare un piatto ricercato così ho deciso di utilizzare la liquirizia come ingrediente base per una ricetta salata!

La liquirizia ha un gusto sofisticato e deciso, non é stato facile trovare il giusto alleato che riuscisse ad emergere senza però coprire l’essenza della liquirizia.

Ammetto di aver fatto svariati tentativi, ma oggi sono proprio soddisfatto del risultato ottenuto.

Il risultato é un risotto molto delicato, ma allo stesso tempo ricercato!

La liquirizia é inoltre nota per avere molteplici proprietà benefiche per il nostro apparato gastrointestinale, un motivo in più per provarlo, no? 😉

…non vi resta che cucinarlo e dirmi cosa ne pensate.

Buon appetito!

Risotto alla liquirizia

 

Risotto alla liquirizia con granella di nocciole tostate
impiattamento


Ingredienti per due persone

Per il brodo:
1,5 litri di acqua circa;
5 o 6 radici di liquirizia;
1 o 2 bacche di anice stellato;
sale.
Per la granella di nocciole:
50 grammi di nocciole pelate;
sale affumicato.
Per il riso:
160 grammi di riso Carnaroli;
60 grammi di Parmigiano Reggiano 30 mesi (bollino oro);
1/2 scalogno;
Olio E.V.O.
Per la finitura:
Caffe` in polvere;
Liquirizia pura.

 

*in caso di celiachia tutti gli ingredienti a rischio devono essere necessariamente certificati senza glutine

Procedimento

Il brodo:

Portate ad ebollizione una pentola di acqua con 5 o 6 bastoncini di radice di liquirizia (dipende dalla loro grandezza e dall’intensità che volete dare al brodo) ed 1 o 2 bacche di anice stellato e poi salate.

La granella di nocciola:

Tostate le nocciole pelate in forno  a 180°C per otto/dieci minuti mescolandole di tanto in tanto. Una volta tostate fatele raffreddare e poi tritatele con un mixer oppure a coltello o con un mortaio, la granella non deve essere troppo fine. Quindi aggiungete il sale affumicato e mescolate per bene.

Il riso:

Tritate finemente lo scalogno e fatelo appassire a fiamma bassa in una casseruola con un filo di olio EVO per una decina di minuti. Tostate quindi il riso un paio di minuti a fiamma vivace senza far bruciare lo scalogno (il trucco è cuocerlo a parte ed aggiungerlo al riso con la prima mestolata di brodo), unite il brodo di liquirizia bollente e portate a cottura. Togliete dal fuoco, mantecate con il Parmigiano Reggiano, olio EVO e regolate di sale.

La finitura:

Stendete il riso su di un piatto piano, grattugiatevi la liquirizia pura e date una spolverata con la polvere di caffè . Stendete la granella di nocciola salata e servite ben caldo.

 

Il tocco dello Chef – Aria al caffè 
Preparate il caffè con la moka (circa 100 ml) e lasciatelo completamente raffreddare. Una volta freddo, versate il caffè nel beker e unite il latte o la panna (circa 30 ml), lo zucchero (un cucchiaino) e la lecitina di soia in polvere o in granuli (circa 3 grammi).
Inserite il mixer ad immersione nel liquido e frullate fino al formarsi della prima schiuma che toglierete man mano con un cucchiaio e conserverete in una ciotolina. Inclinate il beker e frullate nuovamente fino ad ottenere la quantità di “aria” desiderata.
Estraete “l’aria” ottenuta e lasciatela riposare alcuni istanti in modo che si stabilizzi quindi impiattatela sopra il risotto al centro del piatto 😉
 

6 Comments 1207Visite

Ti potrebbero interessare anche

6 Commenti

  1. Hai iniziato questa tua nuova avventura con un piatto raffinato, da vero chef 🙂 anche io amo molto i risotti, ma mai avrei pensato di utilizzare la liquirizia, insieme alle nocciole e al caffè… un abbinamento tres chic! 😉 sicuramente da provare. Continua così! Leti

    1. Grazie! Detto da un pozzo di idee come te vale doppio

  2. Caro Fischio fantastico il tuo risotto…appaga la vista…..e senz’altro anche il gusto…. BRAVO BRAVO ti seguirò ‘!!!!
    Per non parlare della tua presentazione coinvolgente e commovente !!!! Complimenti !!!! Con orgoglio mamma

    1. ❤️

      1. Ciao fischio/fulvio davvero tanti complimenti per la creatività della ricetta riso e liquirizia…conto di provarla ….bravo fulvietto vai avanti con tutta la passione che hai ….ti seguirò. ..un abbraccio valeria amica”bulgara”di aurora

        1. Grazie Valeria 🙂 apprezzo molto! E fammi vedere i risultati ottenuti 😉 ciao a presto!

I commenti sono chiusi