Crea sito

Cerca

In Standard

Duetto

Duetto

Questo piatto ha qualcosa di speciale, ovvero questi particolari gnocchi furono il primo piatto che preparai qualche anno fa insieme al mio amico Il Chef sglutinato Marcello Ferrarini. Andai ad un suo showcooking e li lui mi chiese se avessi voglia di dargli una mano, occasione che ovviamente non mi feci scappare e preparammo delle magnifiche “perle” alle carote viola e quinoa.

Oggi vi propongo le sue “perle” nella mia versione con un tripudio di colori e verdure :) dedicando queso piatto a Marcello, uno dei primi a credere nelle mie capacità culinarie.

Particolarita` della ricetta, gnocchi a parte, sono le verdure essiccate. A casa le possiamo preparare in diversi modi: forno, essiccatore, microonde o sole (nella bella stagione). Naturalmente si trovano anche gia` pronte in modo da avere il compito facilitato 😉

Con questa ricetta partecipo all’iniziativa di Gluten free Travel & Living, il 100% Gluten Free (fri)Day

ilove-gffd

Duetto

 

impiattamento
impiattamento

 

Ingredienti per due persone

Per gli gnocchi di carota:
175 grammi di preparato per pasta fresca Farabella;
25 grammi di farina di quinoa;
200 grammi di carote viola;
1 uovo + 1 albume;
25 grammi di Parmigiano Reggiano;
noce moscata q.b.;
sale q.b.;
pepe q.b.
Per la crema al sedano rapa:
1 sedano rapa;
olio E.V.O.;
sale q.b.
Per le cipolle in tempura:
1/2 cipolla bianca;
farina di riso q.b.;
acqua gasata;
olio EVO q.b.
sale q.b.
Per la composizione:
ricotta salata q.b.;
verdure essiccate a piacere.

 

*in caso di celiachia tutti gli ingredienti a rischio devono essere necessariamente certificati senza glutine

Procedimento

Gli gnocchi:
Lavate e mondate le carote quindi lessatele in acqua per circa trenta minuti. Lasciatele raffreddare e schiacciatele con uno schiacciapatate. In una ciotola versate tutti gli ingredienti e amalgamate per bene il tutto. Lavorate ora il composto ottenuto su un piano infarinato sino a ricavare delle striscie del diametro di un paio di centimetri massimo e porzionatele in piccoli pezzi. Formate infine delle sfere tutte della stessa dimensione in modo che cuociano uniformemente.

La crema:
Sbucciate il sedano rapa, tagliatelo a pezzettoni e cuoceteleo in forno a centottantagradi per circa mezzora (oppure lessatelo in acqua bollente per il tempo necessario alla cottura). Ora con un mixer ad immersione frullatelo insieme a dell’olio ed il sale. Aggiungete eventualmente un po’ di acqua, oppure brodo vegetale, per rendere la crema piu`morbida. Assaggiate e regolate di sale.

Le cipolle:
Preparate una veloce pastella con un po’ di farina di riso e dell’acqua gasata freddissima mescolando tutto velocemente con una frusta. Otterrete la giusta consistenza quando la vedrete leggermente addensarsi e pucciando un dito vi rimarra attaccata.

Ora mondate la cipolla e tagliatela lasciando intere le rondelle piu` grosse ed immergetele nella pastella. Scaldate in una padella dell’olio e una volta alla giusta temperatura friggete le cipolle per qualche minuto, fino a farle diventere croccanti e dorate. Quindi asciugatele su un foglio di carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e salatele.

Le verdure essiccate:
Pulite e mondate le verdure che volete utilizzare (io ho usato carota, zucchina e piselli). Tagliatele a fettine sottilissime con una mandolina magari, oppure con un pelapatate, tamponatele delicatamente con un foglio di carta assorbente per asciugarle leggermente e quindi procedete con l’essiccatura. Se avete l’essiccatore sapete gia` come procedere, altrimenti in forno ad una temperatura di circa cinquanta gradi per setto/otto ore o comunque per il tempo necessario da fare evaporare l’acqua in esse contenute e renderle belle croccanti.

La composizione:
Stendete sul piatto un cucchiaio di crema di sedano rapa, adagiatevi sopra una porzione di gnocchi, aggiugete le verdure essiccate e le cipolle in tempura. Completate con una grattugiata di ricotta salata.

 

0 Comment 174Visite

Ti potrebbero interessare anche

Oliver Onions

Oliver Onions

The Memories Remains

The Memories Remains

Lascia una risposta